Codice Etico

Codice Etico

Art. 1
L'Associazione richiede ai suoi iscritti rigore morale e correttezza comportamentale in ambito professionale ed extra professionale. Nel far parte di Itasforum, gli associati si impegnano a tener conto, in ogni loro comportamento professionale ed associativo, delle conseguenti ricadute sull'intera Associazione. 


Art. 2
I soci Itasforum, sin dalla richiesta d'iscrizione, assumono l'impegno a partecipare attivamente alla vita associativa ed a contribuire alle scelte associative con spirito di totale adesione non viziata da condizionamenti di qualsivoglia natura, avendo come obiettivo prioritario l'interesse dell'Associazione. La lealtà verso l'Associazione e dei soci nei rapporti reciproci costituisce un principio guida. 


Art. 3
L'appartenenza all'Associazione é un'impegno di solidarietà tra i Soci ispirato a collettiva tensione etica, laboriosità e produttività. 


Art. 4
Gli organi direttivi dell'Associazione, promuovono le condizioni per favorire i più cordiali rapporti tra i soci e contenere eventuali divergenze nell'ambito di una dialettica franca e serena. Deve essere fermamente ripudiata ogni forma di scorretta concorrenzialità, conflitto di interessi, denigrazione personale e professionale. 


Art. 5
I soci che assumono cariche sociali devono impegnarsi a:

  • esercitare la funzione con spirito di servizio verso l'Associazione, gli associati ed il mondo esterno, senza avvalersene per vantaggi diretti od indiretti;

  • mantenere un comportamento ispirato ad integrità, lealtà e senso di responsabilità nei confronti degli associati e delle Istituzioni, immune da condizionamenti, azzerando le personali opzioni politiche in corso d'incarico;

  • seguire le direttive associative, contribuendo al dibattito nelle sedi proprie, mantenendo l'unità associativa verso il mondo esterno;

  • fare un uso riservato delle informazioni di cui vengono a conoscenza in virtù delle cariche ricoperte;

  • coinvolgere fattivamente gli organi decisori dell'Associazione per una gestione partecipata ed aperta alle diverse istanze;

  • trattare gli associati con uguale dignità a prescindere dalle società od enti di appartenenza;

  • rimettere il proprio mandato qualora per motivi personali, professionali od oggettivi la loro permanenza possa essere dannosa all'immagine dell'Associazione;

  • non aderire ad associazioni che richiedono prestazione di promesse di fedeltà o che non assicurano la piena trasparenza sulla partecipazione degli associati.


Art. 6
Tutti i soci, indistintamente, devono dedicare, capacità personali, professionali e conoscenze, alla costruzione di una immagine associativa prestigiosa e di forte incidenza sia nello specifico settore della sicurezza, sia all'esterno di tale ambito. 


Art. 7
Il venir meno alle norme sopraenunciate può dar corso ad una serie di provvedimenti di incidenza progressiva rispetto alla gravità del comportamento censurato.

< indietro

Facebook

Seguiteci anche su...

facebook       facebook       facebook

Area Riservata